Cos’è il mining di criptovalute? Conviene? Cosa serve per iniziare?

Pubblicato: Aprile 28, 2022 di Valerio Sanna

Il mining di criptovalute è il metodo utilizzato per verificare le transazioni su un registro digitale (Blockchain) utilizzando un hardware con un’ampia potenza di calcolo. Il mining è qualcosa che qualsiasi individuo o organizzazione può fare con risorse hardware e software adeguate, ma l’espansione di questo processo e l’aumento dei costi lo rendono progressivamente difficile da realizzare con profitto.

In questa guida parleremo di tutti gli aspetti del mining di criptovalute , come funziona, cosa serve per iniziare, quanto si guadagna e che alternative ci sono.

Confronteremo il mining con il trading e gli investimenti nelle criptovalute, che sono alla portata anche di chi non ha alcuna competenza in questo settore, grazie alla possibilità offerta da eToro di copiare le operazioni eseguite dai trader più esperti.

Ma cos’è il mining? Ecco una scheda riepilogativa:

🕵️‍♂️ Cos’è il mining? E’ il processo necessario a confermare le transazioni PoW
💰 Col mining quanto si guadagna? Dipende da molti fattori, primo fra tutti il costo dell’energia elettrica.
👮‍♂️ Che rischi si corrono con il mining? C’è il rischio di non recuperare mai l’investimento iniziale.
📍 Cosa serve per iniziare? Serve un hardware dedicato e un contratto favorevole per l’energia elettrica.
💶 Quanto costano gli ASIC per Bitcoin? Il costo di una macchina ASIC per il mining si aggira attorno ai $ 3000

Mining significato

Il mining di criptovalute è il processo in cui computer specializzati , noti anche come nodi o mining rig, convalidano le transazioni Blockchain per una specifica criptovaluta e, a loro volta, ricevono una ricompensa per il loro sforzo computazionale.

Le Blockchain richiedono un’ampia rete di macchine per verificare e archiviare le transazioni. I RIG utilizzano i processori più recenti (ad es. GPU , FPGA o ASIC ) e non fanno altro che fungere da nodo per la rete stessa. L’uso di personal computer standard come apparecchiature per il mining non è consigliabile, poiché la maggior parte non dispone della potenza di calcolo necessaria a rendere l’operazione redditizia.

Con una flotta di nodi, o un pool, un gruppo di singoli minatori può combinare la forza di calcolo, denominata in hash (quantità di operazioni al secondo), necessaria a vincere premi per ogni blocco estratto (convalidato).

La verifica delle transazioni basate sul mining è chiamata Proof of Work, una “prova del lavoro” che permette di ottenere un consenso decentralizzato per verificare l’integrità dei nuovi blocchi.

Contribuendo allo sforzo computazionale della PoW per convalidare le transazioni, i miner ricevono un importo predefinito della moneta che stanno “minando” in cambio del lavoro svolto.

Il protocollo garantisce l’integrità delle transazioni Blockchain e premia i minatori per le loro spese e i loro sforzi, ma scoraggia anche gli hackers che sperano di manipolare la criptovaluta. Il mining di criptovalute richiede un’ampia potenza di calcolo, creando concorrenza e una barriera all’ingresso per chi non ha le risorse e il capitale necessario.

Mining o trading?

Le opinioni su Bitcoin sono contraddittorie ma questa criptovaluta ha anche dato vita alla PoW e al mining , che inizialmente era davvero redditizio.

Col passare del tempo, l’algoritmo Bitcoin prevede un aumento della “complicazione” per mantenere stabili i tempi di elaborazione di una transazione.

Il numero sempre maggiore di miners, prima solo su Bitcoin e poi anche sulle altre criptovalute, ha portato alla nascita di vere e proprie mining-farm, delle gigantesche aziende con migliaia di macchine per il mining , diffuse in luoghi dove l’energia elettrica ha un costo trascurabile (quindi non in Italia).

Se non avete grandi capitali da investire per creare una mining-farm e non potete attingere ad energia elettrica a basso costo, vi conviene investire o fare trading di criptovalute, è molto più semplice e potenzialmente più redditizio.

Nell’elenco qui sotto abbiamo inserito i migliori Broker online per comprare Bitcoin e criptovalute emergenti. Sono tutti intermediari regolamentati e offrono un conto Demo per iniziare senza correre rischi:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Corso Gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capex
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Formazione gratuita
  • Consulente personale
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Questi intermediari finanziari sono tutti sicuri e regolamentati, in possesso di regolari licenze CONSOB o CySEC.

    Se vi interessa investire a lungo termine e volete entrare in possesso delle criptovalute e magari conservarle in un Bitcoin wallet, eToro è la soluzione ideale. Se invece volete fare trading a breve termine, sfruttando la leva finanziaria, i CFD offerti da XTB e Capex sono perfetti.

    eToro

    eToro è uno degli intermediari finanziari più popolari al mondo, con una piattaforma di trading che è vista come un modello da seguire per tutti i Broker online.

    Questa piattaforma permette sia di comprare direttamente criptovalute, come sugli exchange, che di negoziarle tramite i CFD sfruttando la leva finanziaria.

    Come si fa a comprare Bitcoin su eToro? Ecco i 3 passaggi da seguire:

    1. Registratevi su eToro
    2. Accedete al conto reale versando almeno 50€
    3. Selezionate “Bitcoin” e cliccate su “investi”

    Registrati gratis su eToro cliccando qui

    Se non sapete dove investire i vostri soldi, eToro vi propone il Copy Trading, un sistema che permette di copiare le operazioni a mercato dei trader più esperti, scelti da voi sulla piattaforma.

    In questo modo otterrete i medesimi rendimenti dei trader copiati (in base all’investimento fatto), ecco qualche esempio:

    trader etoro crypto

    Clicca qui e inizia a copiare i trader migliori

    XTB

    XTB è un Broker CFD la cui società madre è quotata alla Borsa di Varsavia e la licenza CySEC ne conferma l’assoluta affidabilità.

    Tramite la piattaforma xStation 5 di XTB potrete investire in criptovalute in modo intuitivo, sfruttando la versatilità dei CFD.

    Per comprare criptovalute su XTB dovete seguire questi passaggi:

    • Registratevi gratis su XTB
    • Fate un piccolo deposito per iniziare
    • Selezionate il CFD della crypto che vi interessa e cliccate su Compra (o su Vendi per puntare al ribasso)
    • Decidete l’importo da investire.

    Clicca qui e registrati gratis su XTB

    Vi consigliamo di accedere subito al Corso di Trading realizzato da XTB, che vi permette di apprendere le basi del trading online e le migliori strategie operative per far fruttare i vostri investimenti.

    Il corso è gratuito e vi potete accedere anche se non siete clienti di XTB, basta usare il link qui sotto:

    Clicca qui e accedi gratis al Corso di Trading

    Capex

    Capex è un Broker CFD molto prestigioso, che ha ottenuto anche una regolare licenza CONSOB, molto apprezzata dai trader italiani.

    Fra i servizi di maggior successo che questo Broker propone ai suoi iscritti troviamo l’accesso gratuito alla Trading Central e la Trading Academy, una vera e propria scuola di trading per imparare ad investire su Bitcoin e sulle altre criptovalute. Sono due servizi gratuiti ai quali si può accedere con questo link:

    Clicca qui e accedi gratis ai servizi di Capex

    Per comprare criptovalute su Capex, dovete seguire queste semplici indicazioni:

    • Registratevi gratis su Capex
    • Accedete al conto reale depositando almeno 100 €
    • Selezionate il CFD del token che volete negoziare e cliccate su “Acquista” per comprare o su “Vendi” per vendere allo scoperto
    • Decidete quanto investire nell’operazione

    Clicca qui e registrati gratis su Capex

    Mining criptovalute

    Il mining di criptovalute è il modo in cui i minatori competono per dimostrare il loro lavoro computazionale in cambio di una ricompensa per ogni blocco aggiunto alla Blockchain. Dopo una serie di transazioni per una specifica criptovaluta, un blocco contenente i dati delle transazioni diventa visibile alla rete P2P della Blockchain.

    I pool di nodi concorrenti utilizzano le loro capacità di elaborazione ad alte prestazioni per risolvere un problema matematico complesso e dimostrare l’integrità del blocco.

    Dopo aver stabilito con successo la validità del blocco, i miners confermano l’aggiunta del blocco alla Blockchain e ricevono la ricompensa nella criptovaluta che stanno “minando”.

    Non tutte le criptovalute permettono il mining, infatti questo sistema si basa sulla PoW (Proof of Work) ma esiste anche la PoS ( Proof of Stake) tramite la quale la conferma delle transazioni non avviene risolvendo un complesso algoritmo ma con lo staking (possesso) della criptovaluta stessa.

    Mining Bitcoin

    Nel 2009, la prima criptovaluta di grande successo, ideata dal famigerato Satosh Nakamoto è il Bitcoin, che ha premiato il suo primo minatore con 50 BTC.

    All’epoca, le risorse di calcolo e l’energia necessarie per estrarre un singolo BTC erano significativamente inferiori alle attuali e questo ha consentito ai primi minatori di accumulare un gran numero di Bitcoin.

    Poiché il protocollo Bitcoin mantiene un’emivita di circa quattro anni, i premi per i blocchi validati vengono dimezzati proprio ogni 4 anni e il processo è chiamato halving.

    Sebbene la ricompensa per il mining continuerà a diminuire, il valore crescente di Bitcoin rende il processo ancora conveniente per le mining-farm, ma sempre più irrealizzabile per un singolo miner.

    Mining guadagno

    Trarre profitto dal mining di criptovalute è diventato sempre più difficile man mano che un gran numero di singoli minatori e società di mining sono approdate sul mercato negli ultimi anni. I costi variano in base all’hardware di mining e alla posizione geografica, ma i margini di redditività dei singoli minatori tendono ad essere davvero piccoli.

    Poiché i minatori sono sempre di più, anche il costo dell’estrazione è aumentato notevolmente. I macchinari hardware costano da alcune decine a centinaia di migliaia di dollari e il costo dell’elettricità necessaria può essere davvero proibitivo a seconda della posizione geografica nella quale si trova fisicamente l’hardware di estrazione.

    In definitiva il guadagno dal “mining fai da te” è molto difficile da quantificare e il rischio di non rientrare dell’investimento è elevato.

    Mining pc

    Mentre un decennio fa i minatori fai-da-te potevano lavorare con la scheda grafica del PC di casa, il mercato globale del mining di criptovalute di oggi è progressivamente gestito da aziende e organizzazioni gigantesche, che non lasciano spazio al fai da te.

    Secondo il National Bureau of Economic Research (NBER) degli Stati Uniti il 10% dei minatori più ricchi controlla il 90% del mining e solo lo 0,1% (circa 50 mining farm) controlla quasi il 50% della capacità di mining globale.

    Mining online

    Gli individui interessati al mining di criptovaluta possono possedere e gestire un impianto di mining o acquistare hash rate da un impianto di terze parti, noto anche come cloud mining.

    Possedere e gestire un impianto minerario comporta il costo iniziale per l’hardware dedicato e spese operative continue come l’elettricità . Tuttavia, offre un maggior controllo e un profitto potenziale più elevato.

    In confronto, il cloud mining non richiede un investimento iniziale elevato e offre ai miner la flessibilità di investire ciò che possono permettersi. Purtroppo la resa davvero bassa e le numerose truffe di società che si spacciano per mining-farm senza esserlo, lo rendono davvero sconveniente.

    Mining software

    Le applicazioni di mining per criptovalute sono programmi software commerciali o open source che facilitano l’estrazione di criptovalute specifiche.

    I mining software fungono da piattaforme per i pool di mining, collegando i minatori interessati a combinare potenza di hashing con altri miners.

    Il software di mining è essenziale per i minatori medi che hanno risorse limitate e vogliono creare una rete per essere competitivi.

    Anche in questo caso per iniziare è necessario un capitale di alcune decine di migliaia di euro e i cambiamenti costanti nel costo dell’energia rappresentano delle sfide proibitive per chi non è ben capitalizzato.

    Mining

    Conclusioni

    La maggior parte delle criptovalute utilizza il mining e il protocollo proof-of-work (PoW) come meccanismo di consenso per confermare le transazioni sulla Blockchain.

    Il metodo alternativo sempre più utilizzato è il protocollo Proof-of-Stake (PoS) che non prevede l’utilizzo di macchinari energivori.

    Sebbene il mining sia un processo che esaurisce le risorse, lo staking richiede di detenere criptovalute per un periodo prolungato e quindi anche in questo caso sono necessari capitali ingenti per ottenere un ritorno economico significativo.

    Diverse monete considerano il passaggio da PoW a PoS per ottenere pratiche più sostenibili dal punto di vista ambientale e non dipendere troppo dalle oscillazioni del prezzo dell’energia.

    In definitiva se non avete un capitale considerevole vi sconsigliamo il mining. E’ molto più semplice investire direttamente sulle criptovalute che vi interessano, con uno dei Broker che abbiamo presentato in questa guida.

    Ecco i link ai conti Demo offerti dai migliori Broker per investire in criptovalute:

    FAQ

    Cosa vuol dire mining?

    Il termine mining significa risolvere un algoritmo per convalidare una transazione fra criptovalute.

    Come avviene il mining?

    Una volta risolto l’algoritmo e convalidato un nuovo blocco sulla Blockchain si riceve un premio nella stessa criptovaluta “minata”.

    Il mining è redditizio?

    Per le grandi mining-farm, che hanno macchinari all’avanguardia e contratti di energia elettrica favorevoli si, per i miner fai-da-te no.

    Meglio il mining o il trading?

    Se non disponete di grandi capitali, il trading è sicuramente più semplice e grazie al Copy Trading eToro potrete investire copiando i trader più esperti.

    Clicca per votare questo articolo!
    [Voti: 0 Media: 0]
    Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato.